#noleggeborraccinosullaborto, la campagna del Forum delle famiglie di Puglia

#noleggeborraccinosullaborto, la campagna del Forum delle famiglie di Puglia
10 Mar 2018

#noleggeborraccinosullaborto è l’hashtag della campagna mail e social promossa dal Forum delle associazioni familiari di Puglia per dire No alla pdl sulle “Norme in materia di concreta attuazione della legge 194/78”, che, nonostante le due bocciature in Commissione, sarà discussa in Consiglio regionale martedì 13 marzo.

Associati, simpatizzanti e amici in queste ore stanno mandando una mail a tutti i consiglieri contenente una lettera in cui si chiede che la 194 venga sì applicata, ma integralmente, specie lì dove indica gli interventi preventivi che le istituzioni sono chiamate a realizzare per aiutare le donne a superare i motivi che le inducono a chiedere di abortire.

Nelle giornate di lunedì e martedì, poi, l’iniziativa si svilupperà anche attraverso la condivisione su facebook dell’hashtag, della lettera e di alcuni claim ad essa collegati sul profilo del Forum, su quelli delle sue associazioni e dei privati cittadini sensibili al tema.

Perché nella nostra regione il problema non sono i medici obiettori, né la difficoltà a praticare l’Ivg; ciò che manca è un sostegno concreto a chi vuole portare a termine una gravidanza sofferta, ma desiderata. Far fronte a questo, o almeno seriamente provarci, sarebbe davvero un bel regalo per le donne di Puglia, a meno di una settimana dalla giornata a loro dedicata.

Ecco il testo integrale della lettera

Caro Consigliere,

è davvero un’amara coincidenza che la pdl  Borraccino sulle “Norme in materia di concreta attuazione della legge 194/78” giunga in Consiglio regionale il 13 marzo, solo pochi giorni dopo la Giornata internazionale della donna.

Stupisce il fatto che un testo bocciato – per ben due volte! – nelle Commissioni competenti vada ora in discussione nella maggiore assise pur essendo incostituzionale – perché propone concorsi solo per non obiettori – e soprattutto inutile, poiché, come dimostrato in audizione dal Forum delle associazioni familiari, le donne pugliesi non hanno difficoltà ad abortire, ma  a portare a termine una gravidanza voluta!

La nostra regione è infatti  la terza in Italia – dopo Liguria ed Emilia  – per tasso di abortività volontaria ed è quella che fa registrare la più alta percentuale di ripetizione dell’Ivg, il che è chiaro segno di mancanza di politiche seriamente preventive.

Quello che chiediamo è che la legge 194 venga sì applicata, ma integralmente, specie lì dove indica con chiarezza (articoli. 2 e 5) gli interventi che le istituzioni sono chiamate a realizzare per aiutare le donne a superare i motivi che le inducono a chiedere di abortire; che una sua corretta e completa attuazione aiuti le donne in difficoltà a portare a termine gravidanze sofferte ma desiderate, a conoscere i propri diritti ed a vivere la libertà di accogliere una nuova vita.

È dunque necessario che le istituzioni si facciano carico  delle preoccupazioni delle famiglie rispetto ad un  futuro che oggi è quasi certamente di povertà di fronte alla prospettiva di un figlio in più; ciò continua a generare un drammatico, costante calo delle nascite.

Far fronte a questo, o almeno seriamente provarci, sarebbe davvero un bel regalo per le donne di Puglia.

Chiediamo quindi al Consiglio regionale della Puglia di NON approvare la pdl Borraccino, ma di impegnarsi per combattere  la drammatica denatalità pugliese attraverso un’applicazione integrale della legge 194.

Share

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi