1ª Conferenza regionale sulla famiglia

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

È un percorso che parte da lontano quello che ha portato all’indizione, da parte della Regione Puglia, della prima Conferenza regionale sulla Famiglia, che si è svolta il 22 e 23 novembre nel Padiglione 152 della Fiera del Levante di Bari.

Esattamente un anno prima, infatti, il 24 novembre 2017, il Forum delle famiglie di Puglia, insieme a Cgil, Cisl e Uil, alle Commissioni di Pastorale Familiare e del Lavoro della Conferenza Episcopale pugliese, alla Federazione Medici di Medicina generale (Fimmg) di Bari e a oltre 40 associazioni, chiese a Giunta e Consiglio regionali di istituire un tavolo di lavoro per la costruzione del nuovo Piano di Politiche familiari.

Dopo una serie di iniziative di sensibilizzazione, tra cui tre tavoli tematici itineranti, organizzati rispettivamente a Lecce, Bari e Taranto su fisco, denatalità e lavoro, la politica locale ha finalmente risposto all’appello. Lo scorso luglio è stata approvata all’unanimità dal Consiglio regionale una mozione che ha ufficialmente impegnato l’Ente a tenere la Conferenza. Presentata dall’opposizione e con Nicola Marmo come primo firmatario, la mozione ha avuto approvazione bipartisan, ha ottenuto l’avallo della presidente della Commissione Pari opportunità della Regione Puglia Patrizia del Giudice ed è stata accolta con entusiasmo dal governatore Michele Emiliano il quale, in un incontro preliminare con la presidente regionale del Forum Lodovica Carli, ha espresso il desiderio di presiedere personalmente la Conferenza. Quest’ultima è stata poi ufficialmente presentata a settembre durante l’ultima edizione della Fiera del Levante, a Bari, davanti al premier Giuseppe Conte e durante un evento ad hoc. Lo stesso Governatore l’ha definita «la discussione politica più importante della legislatura».

“Le politiche a sostegno delle famiglie e la sfida della denatalità” è stato il tema portante della due giorni che ha visto, dopo le relazioni introduttive, quattro macroaree di discussione: Il lavoro condizione fondamentale per la ripresa della natalità (coordinatore scientifico il professor Alessandro Rosina); Le famiglie: risorse sociali ed educative (coordinatrice scientifica la professoressa Loredana Perla); Proposte e prospettive per un fisco a sostegno delle famiglie (coordinatore scientifico il professor Vito Peragine); Famiglie e servizi di cura (coordinatore scientifico il professor Francesco Belletti). A questo link è disponibile il programma completo.

Si è trattato di un’occasione unica per costruire dal basso, a partire dai contributi dei singoli e delle associazioni, il futuro dei pugliesi. Soni stati esposti criticità e problemi legati ai vari aspetti della vita familiare, ma soprattutto proposte soluzioni e buone prassi. Il lavoro della Conferenza è infatti un primo fondamentale step del percorso partecipato (attraverso l’applicazione della Legge 13 luglio 2017, n. 28) che porterà alla redazione del Piano regionale per la Famiglia.

“Attualmente, sul sito www.regione.puglia.it/percorso-partecipato-piano-regionale-politiche-familiari è aperto lo spazio di raccolta contributi. Si possono fornire suggerimenti, riflessioni e approfondimenti sulle singole tematiche individuate come prioritarie”

Scarica la Rassegna stampa della “1° Conferenza Regionale sulla Famiglia”

Scarica la Rassegna stampa della “1° Conferenza Regionale sulla Famiglia”

La denatalità in Puglia e le sue conseguenze - Gian Carlo Blangiardo

La denatalità in Puglia e le sue conseguenze

Il lavoro condizione fondamentale per la ripresa della natalità

prof. Alessandro Rosina

Le famiglie:
risorse sociali ed educative

prof.ssa Loredana Perla

Politiche fiscali ed economiche a sostegno della famiglia

prof. Vito Peragine

Famiglie
e servizi di cura

prof. Francesco Belletti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi