giovedì 18 Settembre 2014 - 1:35


C.so Alcide De Gasperi 274/A , Bari

tel./ fax. 080 5288405

Comunicati

MANIFESTO COMITATO PROVINCIALE DI LECCE



 

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DI LECCE Elezioni Amministrative 2012

COSTRUIAMO insieme

LECCE A MISURA DI famiglia

 

 

 

IL BEN-ESSERE DELLA FAMIGLIA È IL BEN-ESSERE DELLA CITTA’

 

La famiglia è una risorsa vitale per la società: lo leggiamo nella nostra Costituzione agli articoli 29, 30 e 31. Le innumerevoli funzioni che svolge sia al suo interno che verso l’esterno la rendono un attore delle politiche sociali, un soggetto che genera benessere nella società, in interazione con lo Stato e il Mercato.

La famiglia è il primo luogo della solidarietà e della gratuità, dove le relazioni di cura garantiscono la piena umanizzazione di tutti i suoi membri, fino ai soggetti più deboli; è l’ambiente privilegiato per la nascita e la formazione della persona, per la sua crescita e la sua educazione, per l'incontro e il confronto tra le generazioni; è produttrice di beni economici, psicologici, sociali e culturali per la collettività.

Le stesse comunità locali sono reti di famiglie, ossia reti di relazioni tra famiglie. Ecco perché il Forum delle Associazioni familiari di Lecce intende stimolare nuove politiche familiari per fare di ogni “nostra città” una “città per la famiglia”, in cui si sviluppino e si generino buone prassi, politiche virtuose, per avere sempre più “città family friendly”, con il consenso ed il contributo di tutte le forze politiche e sociali.

Tanti gli esempi, tante le esperienze, nei comuni di Parma, Roma, Bari, Alessandria, ma anche in centri più piccoli come Castelnuovo del Garda, o anche nelle provincie di Trento o di Bergamo.

 

 

 

Alcuni spunti, per fare

LECCE CITTA’ PER LA FAMIGLIA

1.  La famiglia deve essere considerata un nucleo unitario; occorrono politiche dirette ed esplicite, che coinvolgano le famiglie e le loro reti associative;

2.  Le politiche familiari non si esauriscono nelle politiche sociali, ma comprendono tutti gli aspetti della vita amministrativa. Si parla di famiglia quando si affrontano temi come scuola, educazione e formazione, arredo urbano, tariffe, tasse, trasporti, qualità della vita, sicurezza, salute, ecc.. Per questo è necessario coordinare gli interventi compiuti da parte degli enti locali, del privato e del privato sociale.
E’ urgente un’alleanza educativa tra famiglia, gruppi sociali, scuola, parrocchie e istituzioni per prevenire ed affrontare ogni situazione di fragilità, promuovendo quella cultura della gratuità e della comunione, fonte inesauribile di fiducia  e speranza;

3.  Occorre superare un'impostazione di tipo assistenziale, adottando una innovativa politica di prevenzione e promozione, con percorsi di “empowerment”;

4.  Occorre promuovere la famiglia come protagonista attiva nella vita della città; Ecco perché l'attività delle associazioni e del volontariato deve essere riconosciuta, valorizzata, promossa e sostenuta, nella corretta applicazione del principio di sussidiarietà, incoraggiando la creazione di reti informali di solidarietà e di prossimità tra le famiglie, partendo dai quartieri;

5.  La qualità e l’efficacia degli interventi a livello territoriale devono essere costantemente monitorati, introducendo anche la sperimentazione di modelli di Valutazione di Impatto Familiare (VIF) dei provvedimenti adottati.

 

Alcune proposte, per fare

LECCE CITTA’ PER LA FAMIGLIA

CITTADINANZA DELLA FAMIGLIA.

Lecce deve offrire:

  • un nuovo approccio di pensiero e di azione, con la costituzione dell’AGENZIA DELLA FAMIGLIA e della CONSULTA DELLA FAMIGLIA composta dalle associazioni presenti sul territorio.

ACCOGLIENZA DELLA VITA dal concepimento alla fine naturale.

Lecce deve offrire:

  • la promozione di una cultura che valorizzi la maternità e la paternità naturale, l'affido e l'adozione, In collaborazione con le associazioni del settore;
  • Il sostegno delle famiglie e delle donne In situazioni di gravidanza Indesiderata, così da offrirle valide e credibili alternative all'aborto;
  • Il potenziamento del "percorsi nascita" e la facilitazione dell'accesso al gruppi di sostegno all'allattamento, in particolare quello materno;
  • La valorizzazione degli anziani come risorsa reale e positiva, componente attiva della società locale;
  • Il rafforzamento del servizi di mutuo aiuto e di sostegno alla residenzialità e alla mobilità e I servizi utili per sostenere le famiglie che si prendono cura degli anziani e delle persone con disabilità, coinvolgendo il volontariato, le reti associative, il privato-sociale;
  • Il rafforzamento dei servizi per la prima infanzia, promuovendo e sostenendo servizi diversificati ed integrativi delle capacità di cura delle famiglie, anche gestiti direttamente da associazioni di famiglie (nidi, nidi famiglia, tagesmutter,…).;
  • La realizzazione di percorsi di prevenzione delle dipendenze da droghe e sostanze, sostenendo le famiglie con giovani che manifestano tali problemi e coinvolgendo il volontariato del settore.

FAMIGLIE GIOVANI: CASA E FORMAZIONE HOUSING FAMILIARE. I giovani ritardano il matrimonio e spesso le famiglie rinunciano alla procreazione e all’accoglienza in casa dei propri anziani. Non aiutano la carenza nelle politiche abitative. C’è difficoltà di accesso all'alloggio, ma anche di adeguarne le dimensioni al naturale incremento del numero del componenti della famiglia stessa.

Lecce deve offrire:

  • una programmazione territoriale che favorisca assegnazioni prioritarie di case di edilizia pubblica o convenzionata a giovani sposi, l'acquisto della casa con mutuo a tasso agevolato o garanzia pubblica;
  • itinerari di preparazione al matrimonio civile e di sostegno alla relazione di coppia, in collaborazione con quanti operano con competenza in questo campo;
  • la costruzione di spazi a misura di famiglia che promuovano il rispetto e l’amore per la natura e l’ambiente urbano.

FAMIGLIA E ANZIANI.

Lecce deve offrire:

  • la valorizzazione degli anziani come risorsa reale e positiva. Per questo occorre rafforzare il servizio di assistenza domiciliare socio/sanitaria, coinvolgendo in azioni di prossimità tutte le reti sociali.

TEMPI DELLA FAMIGLIA.

Lecce deve offrire:

  • l’organizzazione degli orari degli uffici e dei trasporti locali che favorisca l’armonizzazione dei tempi familiari con i tempi di lavoro;
  • la costruzione di un “Piano dei tempi della città family friendly”.

 

TARIFFE, TRIBUTI E RETTE COMUNALI E LOCALI. Il sistema di tassazione e tariffe per i servizi penalizza le famiglie con figli, in particolare quelle numerose, monoreddito o a basso reddito complessivo. Occorre migliorare le politiche tributarie e tariffarie (nido, mensa e trasporto scolastici, borse di studio, testi scolastici, addizionale IRPEF, ICI, TARSU, TIA).

Lecce deve offrire:

  • correttivi al meccanismo ISEE per determinare le tariffe di accesso al servizi;
  • l’introduzione del Fattore Famiglia, con un criterio del carico familiare, sul modello del Quoziente Parma,
  • la riduzione dell’IMU per anziani a basso reddito e all’aumentare dei carichi familiari
  • una tariffazione familiare dei trasporti urbani;
  • la CARTA FAMIGLIA con sconti e tariffe agevolate sull'acquisto di beni e di servizi.

SCUOLA – EDUCAZIONE.

Lecce deve offrire:

  • la libertà di scelta delle famiglie di scegliere una struttura privata o associativa, introducendo un parziale rimborso spese attraverso i voucher, in particolare per gli asili nido (0-3 anni)
  • il miglioramento dell'equilibrio tra tempi di lavoro e tempi di famiglia.
  • Il sostegno alle Iniziative di formazione prematrimoniale e per i genitori

FAMIGLIE IMMIGRATE

Lecce deve offrire:

  • un inserimento reale che prevenga fenomeni di devianza ed emarginazione, prevedendo lo sviluppo di una cultura della solidarietà e della rete tra famiglie;
  • la valorizzazione delle diversità e costruire punti di Incontro e di supporto anche linguistico, culturale, di formazione civica e di legalità.

AREA LAVORO. E’ un impegno prioritario che favorisce anche la libertà e generatività.

Lecce deve offrire:

  • l’agevolazione di Investimenti sul lavoro e sull'Impresa, rimuovendo ostacoli lentezze burocratiche;
  • la predisposizione del servizi necessari per Investimenti produttivi, con relative acquisizioni di aree ed urbanizzazione;
  • la costruzione di un'alleanza tra chi Inventa e genera Il futuro, chi lavora bene, chi genera occupazione e Impresa, diventando incubatrice di nuove imprese giovanili.

FRAGILITÀ FAMILIARE

Lecce deve offrire:

  • percorsi di conciliazione per le coppie in crisi e di mediazione familiare;
  • percorsi di supporto alla genitorialità attraverso i servizi socio-sanitari o attuando convenzioni con le associazioni di settore ed i consultori.

BILANCIO COMUNALE.

Lecce deve offrire:

  • la sostenibilità familiare di tutte le proposte secondo un nuovo criterio ed un nuovo approccio “family friendly.

 

DICHIARAZIONE DI ADESIONE

Io sottoscritto…………………………………………………………………………………………………………..

Candidato alle elezioni amministrative per SINDACO/CONSIGLIERE COMUNALE del COMUNE di……………………………………………………………………………………………………………..

Per il partito/lista…………………………………………………………………………………………………….

CONCORDO E MI IMPEGNO PER RAGGIUNGERE QUANTO SOPRA ESPOSTO

Data………………………………………………..Firma……………………………………………………………

 

Privacy. A seguito della sua adesione all’iniziativa, tratteremo i dati che la riguardano al solo fine di comunicare e rendere pubblica la sua adesione al Manifesto. A tal fine il candidato sottoscrive la presente anche per espresso consenso al trattamento dei propri dati personali ai sensi del D.Lgs n. 196/2003 e s.m.

Firma

____________________

 

manifesto completo è reperibile sul sito www. forumfamigliepuglia.org

Email: forumfamiglie.le@libero.it



.…E ADESSO SPUNTANO ANCHE I TAGLI ALLE DETRAZIONI!
30 dic 2013
CARO LETTA, CON LA LEGGE DI STABILITA’ RESTITUITE ALLE FAMIGLIE ALMENO UN PO’ DI QUANTO AVETE TOLTO
18 dic 2013
FORUM FAMIGLIE E FAMIGLIE NUMEROSE PUGLIA PER UNA MAGGIORE EQUITA' FISCALE COMUNALE E REGIONALE
18 dic 2013
BARI - Manifestazione pubblica dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose di Bari contro la TARES , divenuta una tassa sui figli. Bari, 17 dicembre, Piazza Prefettura, a partire dalle ore 16.
15 dic 2013
DISTRETTO FAMIGLIA, SUSSIDIARIETA’ IN AZIONE
6 dic 2013
PER UNA CITTÀ AMICA DELLA FAMIGLIA: LABORATORI DI BUONE PRASSI DI POLITICA FAMILIARE COMUNALE IN CORSO D'OPERA IN PUGLIA VERSO UN MANIFESTO PER LE PROSSIME ELEZIONI AMMINISTRATIVE
5 dic 2013
UNO DI NOI AL TRAGUARDO EUROPEO
1 dic 2013
STABILITA’. IL DANNO E LA BEFFA
1 dic 2013
LETTERA APERTA DELL'ARCIVESCOVO E DEL CONSIGLIO PASTORALE DELLA DIOCESI DI BARI-BITONTO ALLA GIUNTA ED AL CONSIGLIO REGIONALE DI PUGLIA
1 dic 2013
LA FAMIGLIA, BENE COMUNE DELLA CITTA' - Convegni del Forum Famiglie di Puglia
6 nov 2013
Convegni " LA FAMIGLIA; BENE COMUNE DELLA CITTA' - TARANTO
6 nov 2013
LA FAMIGLIA, BENE COMUNE DELLA CITTA' - Convegno Bari
6 nov 2013
A proposito della ragazza salentina di 11 anni in attesa di un bambino:
3 nov 2013
CONTRIBUTI PER LA LEGGE 104. L’ASSURDA DIMENTICANZA
31 ott 2013
GIOVANI E LAVORO. PERCHE’ NON RIPARTIRE DALLA FORMAZIONE PROFESSIONALE?
31 ott 2013
Il Presidente Belletti in Puglia. Convegno
31 ott 2013
STABILITA’. FINALMENTE SI PARLA DI FAMIGLIA
30 ott 2013
PERCHE' LA CRISI ECONOMICA NON BASTA A SPIEGARE LA DEPRESSIONE DEMOGRAFICA RECORD IN ITALIA
25 ott 2013
LA FAMIGLIA PRECEDE E FONDA LO STATO I trent’anni della carta dei diritti della famiglia
25 ott 2013
VICINI AI MALATI DI SLA IMPLEMENTARE LA RICERCA E LE RISORSE PER L’ASSISTENZA DOMICILIARE
25 ott 2013
pagina 1 di 15